3.1 Fronte occidentale(fig. La catena delle alleanze fece precipitare la situazione: la Russia rispose con una mobilitazione generale. Il gesto vale la squalifica al campione, che vedrà di fatto la fine della sua carriera. La prima guerra mondiale fu il conflitto armato che coinvolse le principali potenze mondiali e molte di quelle minori tra l'estate del 1914 e la fine del 1918. Si giunse così ai vari trattati: di Versailles con la Germania (28 giugno 1919), di Saint-Germain con l’Austria (10 settembre 1919), di Neuilly con la Bulgaria (27 novembre 1919), del Trianon con l’Ungheria (4 giugno 1920), di Sèvres con la Turchia (10 agosto 1920). La Turchia, timorosa della Russia e legata alla Germania, decretò la chiusura degli stretti (29 settembre) alla navigazione commerciale e si unì (12 novembre) agli Imperi centrali. 4.5 Fronti minori. Neutralisti e interventisti in Italia. e l'entrata in guerra dell'Impero Ottomano al fianco degli Imperi Centrali chiusero il primo mese di guerra. Ma Hindenburg aveva formato due potenti gruppi di armate: uno a N, in Transilvania, sotto il comando di Falkenhayn, e uno a S, sul Danubio, agli ordini di A. von Mackensen. Il giorno dell’attacco, gli Austriaci avanzarono contemporaneamente sul fronte montano e su quello del Piave; sul primo, la difesa italiana impose al nemico di desistere dall’offensiva in grande già la sera stessa del 15; sul secondo fronte, la sera del 16 giugno l’intervento delle riserve italiane bloccò anche l’attacco austriaco sul Montello, dove il 19 ebbe inizio la controffensiva di A. Diaz, che in pochi giorni indusse il nemico alla ritirata. Formato del file:.doc (Microsoft Word). 28 giugno dello stesso anno,in seguito all’assassinio a Sarajevo(territorio Bosniaco) dell’arciduca Francesco Ferdinando,che era l’erede al trono dell’impero austro ungarico, l’Austria inviò un ultimatum alla Serbia. Il gesto sarà il movente che porterà alla Prima Guerra Mondiale. Da marzo si era realizzato il comando unico nella persona del generale F. Foch, al quale furono affidate anche ‘facoltà di coordinamento’ sul fronte italiano. In questi quattro anni di guerra, però, il mondo cambiò completamente volto perché vi furono alleanze e scontri che portarono alla scomparsa dell’Impero tedesco (Secondo Reich), dell’Impero ottomano e dell’Impero russo oltre che di quello austro-ungarico. Densi di tensioni si presentavano anche i rapporti tra le potenze vincitrici e la Germania, cui furono imposte condizioni politiche, economiche e militari talmente aspre da rivelarsi presto irrealistiche. La guerra vide contrapposte le maggiori potenze mondiali, divise in due blocchi: gli Imperi centrali (Germania, Austria-Ungheria,ottomano e Bulgaria) e le potenze Alleate (Francia, Gran Bretagna, Impero russo e Italia).Per la fine della guerra fu determinante, nel 1917, l'ingresso degli Stati Uniti. In Palestina il generale E. Allenby, travolta la linea turca di Bersabea (1° ottobre), prese Gaza, Giaffa e Gerusalemme. 3.3 Fronte orientale(fig. Mentre si compivano i preparativi per il quarto attacco, gli Austriaci scatenarono l’offensiva sul fronte italiano. - A E, le forze russe avanzate nella Prussia orientale dopo la vittoria di Gumbinnen (19-20 agosto) subirono la catastrofe di Tannenberg (26-30 agosto) e la battaglia dei Laghi Masuri (9-14 settembre) determinò la loro ritirata dalla Prussia. Era la mattina del 28 giugno 1914, quando, il serbo Gavrilo Princip assassinava l’Arciduca Francesco Ferdinando d’Austria. Prima Guerra Mondiale La Prima guerra mondiale è un conflitto del Novecento (1914-1918), a cui prendono parte le maggiori potenze mondiali, dall’Europa agli Stati Uniti. La Germania, impegnata su due fronti, mirava a conseguire una rapida vittoria sul fronte occidentale, puntando su Parigi. Nell’undicesima battaglia (17 agosto-15 settembre), l’attacco fece realizzare una penetrazione di 10 km nella difesa austriaca. Cronologia Prima Guerra Mondiale La Prima Guerra Mondiale scoppiò il 28 luglio del 1914 e terminò nella data 11 novembre 1918 ma in Italia si fa riferimento agli anni 1915 – 1918 proprio perché all’inizio fu neutrale. I trattati di pace non superarono le rivalità nazionali che erano state all’origine della guerra, creando le premesse per ulteriori conflitti; in particolare, la dissoluzione dell’Austria-Ungheria e le condizioni di resa imposte alla Germania riversarono le tensioni nazionali su molti dei nuovi Stati. 1). [dal lat. - Alla quarta offensiva tedesca contro i Francesi sferrata il 15 luglio contemporaneamente sulla Marna e a E di Reims e arrestata con forti perdite, il 18 Foch oppose un attacco contro la sacca nemica dello Chemin-des-Dames-Marna: l’unica via di comunicazione per le armate tedesche della Marna, quella Soissons-Fismey, era all’improvviso minacciata dal nemico. Rimane tutt’ora ancora “nell’ombra” rispetto alla Seconda per i più vari motivi e spesso non ci si sofferma mai granchè sulla sua effettiva importanza, sui risvolti che ha avuto e sugli sconvolgimenti che ha portato alla società umana. Conformemente alla strategia del comando russo, i Romeni portarono il massimo sforzo offensivo in Transilvania. 1. La Germania aveva conseguito un grande successo: i Russi avevano perso circa la metà degli effettivi, con relativi armamenti, e avevano dovuto abbandonare circa 500.000 km2 di territorio; tuttavia, non erano stati indotti alla pace separata, come speravano i generali P.L. Le perdite degli Italiani risultarono maggiori di quelle del nemico, che, tuttavia, ne risentì più duramente per il progressivo affievolirsi delle risorse generali dopo tre anni di guerra. L'inizio della guerra Venticinque milioni di morti, più di venti paesi coinvolti, cinque continenti in aperta battaglia, quattro anni di terrore tra l'Europa e l'Africa, tra il Medio Oriente e il Pacifico. Le origini della Prima guerra mondiale risalgono agli anni Settanta del 19° secolo, cioè all'avvento della cosiddetta età dell'imperialismo. La Prima guerra mondiale fu un conflitto bellico nel quale furono coinvolte le più grandi potenze mondiali di inizio ‘900 e tra queste partecipò anche l’Italia. La prima offensiva iniziò il 21 marzo con un attacco in Piccardia che in 15 giorni di battaglia guadagnò ai Tedeschi un’avanzata di 60 km su circa altrettanti di larghezza, con 300.000 uomini perduti dai soli Inglesi. LE CAUSE. PRIMA GUERRA MONDIALE. Nei primi anni del 20° sec. 5.4 L’offensiva finale italiana(fig. L’adesione delle popolazioni alle rispettive politiche nazionali non fu omogenea né continua nel tempo: il 1917 fu l’anno di maggior tensione sociale in molti Stati europei (inclusa l’Italia); in Russia il malcontento popolare si legò ai disastri del fronte e alla determinazione dei rivoluzionari generando la Rivoluzione d’ottobre. Donna intraprendente e illuminata riesce a portare grandi innovazioni, tanto che quando il conflitto termina, la Perugina ha più di cento dipendenti ed è una fabbrica di successo. 5.3 Controffensiva e vittoria alleata. Cadorna diede l’ordine di ritirata e la linea d’arresto fu stabilita, dopo il convegno interalleato di Peschiera e la sostituzione di Cadorna con A. Diaz, sul Piave; gli Italiani riuscirono ad arrestare l’offensiva austro-tedesca scatenata il 10 novembre sull’altopiano d’Asiago e sviluppatasi sul Piave e sul Monte Grappa. Pagine: 1. Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma n°139 del 24/10/2019, Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. Questo assunse forme e contenuti particolarmente rilevanti attraverso la propaganda, l’imperio sui meccanismi produttivi, l’arresto dei dissidenti o dei pacifisti. Durante l'intero mese di luglio gli audaci Alpini trasportarono fin sulla vetta della Cima Grande un colossale faro destinato ad illuminare d'improvviso l'attacco notturno sulla grande spianata a fronte del Rifugio Tre Cime (oggi Rif. La prima guerra mondiale è conosciuta anche con il termine di “Grande Guerra” perché così apparve alle popolazioni che vi si trovavano coinvolte. -  Il 9 dicembre 1914 il governo italiano, in base all’art. Nel 1914 l’Italia era ancora legata alla Germania e all’Austria per mezzo della Triplice Alleanza, rinnovata nel 1912. La leva di massa (furono mobilitati complessivamente 65 milioni di uomini) e le spese militari determinarono il fenomeno, in quella misura/">misura inedito, della mobilitazione totale del paese belligerante: dalla produzione industriale stimolata dalle commesse statali al razionamento dei generi alimentari, dalla programmazione della produzione agricola alla censura sulla stampa, fino all’identificazione del territorio patrio come ‘fronte interno’, la guerra penetrò in tutti i gangli sociali delle nazioni, determinando in particolare l’inasprimento del controllo repressivo statale. Prima guerra mondiale La prima guerra mondiale ebbe inizio in seguito alla grave crisi politica e diplomatica suscitata dall’assassinio a Sarajevo dell’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono dell’impero asburgico. 7 del Trattato della Triplice, chiese all’Austria compensi territoriali per la sua avanzata nei Balcani, che furono rifiutati. Tra le altre novità relative agli armamenti vi furono i gas asfissianti (che imposero l’obbligo della maschera antigas), l’aeroplano (sebbene armato di mitragliatrice, fu usato prevalentemente a scopo ricognitivo), il sottomarino. 5.2 La battaglia del Piave(fig. Uomini in guerra. All'inizio della prima guerra mondiale, l'uso dei sottomarini aveva i suoi sostenitori, si potrebbe dire, credendo in modo fanatico nel futuro. La prima guerra mondiale fu un conflitto mondiale che coinvolse le principali potenze e molte di quelle minori tra il 28 luglio 1914 e l'11 novembre 1918. 1). Prima Guerra Mondiale: le cause. FACEBOOK: https://www.facebook.com/irodavlas/TELEGRAM: https://t.me/AvlasTelegram***ERRORI***Nei commenti mi avete fatto notare qualche errore, cerco di … Dopo l’attentato, l’Austria-Ungheria, ottenuta mano libera dalla Germania, lanciò un ultimatum (23 luglio 1914) alla Serbia, ritenendola corresponsabile. Il conflitto, denominato oggi Grande Guerra proprio per l’innumerevole numero di vittime fra soldati e civili, ha visto coinvolte quasi tutte le nazioni del mondo.. Prima guerra mondiale: le cause. Fra le operazioni parziali intraprese dai Francesi, furono importanti la ripresa del Mort-Homme, presso Verdun (20-25 agosto), e la battaglia della Malmaison (21-26 ottobre). Tipo di documento: Appunti. 3). Prefazione. Le varie nazionalità si davano governi autonomi, sicché il vecchio Impero asburgico cessava di esistere. I Turchi nel 1915-16 incontrarono tre insuccessi nel tentativo d’insediarsi sul Canale di Suez; dopo l’ultimo scacco (agosto 1916), i Britannici passarono alla controffensiva, giungendo alle soglie della Palestina. 4.2 Fronte orientale(fig. Mentre in Austria, per i complementi, si doveva ricorrere soprattutto ai feriti guariti, in Italia vi erano ancora larghe risorse nelle classi giovanissime e nelle anziane (senza considerare le risorse materiali, sterminate dopo l’intervento statunitense). Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Molte questioni furono rinviate e molte decisioni vennero modificate negli anni successivi, con conseguenti motivi di persistente agitazione e irrequietezza. In effetti, se inizialmente il confitto risultava essere circoscritto al territorio europeo, col passare del tempo arrivò ad interessare anche i paesi extraeuropei come gli USA e il Giappone. In Mesopotamia, gli Inglesi occuparono l’11 marzo Baghdad. - L’attacco scatenato sul fronte italo-austriaco dalle forze italiane il 24 ottobre incontrò resistenza sui monti a causa del terreno e, fino al 28, anche in pianura, per la piena del Piave, che paralizzò l’azione. Nel 1914 ebbero luogo il 1° novembre la battaglia di Coronel (Cile), nella quale l’ammiraglio tedesco M. von Spee inflisse ai Britannici una dura sconfitta, e l’8 dicembre 1914 quella delle Falkland, in cui l’ammiraglio F.C.D. Nome del file: prima-guerra-mondiale-schema_1.zip. Gli Inglesi, pressati dalla guerra sottomarina a oltranza, avevano interesse ad allontanare i Tedeschi dalle coste del Belgio e, forti dell’aiuto fornito loro dall’Impero coloniale, furono in grado di assumere da soli l’iniziativa: le truppe britanniche non realizzarono che progressi locali, ma il comando e l’esercito tedesco ne risultarono duramente provati. La prima guerra mondiale ebbe luogo tra il 1914 e il 1918 e, in quattro lunghi anni, coinvolse tutte le più grandi potenze del mondo. Prima parte. La battaglia di Verdun, svoltasi fra il 21 febbraio e il 24 giugno 1916, risultò una grande vittoria difensiva francese e simbolo dell’invincibilità dell’Intesa, anche se la Germania inflisse all’esercito nemico molte più perdite di quante ne subì, riducendo insieme la partecipazione dei Francesi alla battaglia della Somme. Nel frattempo gli Statunitensi, per la pressione alleata, decuplicavano gli effettivi in Europa: tra maggio e giugno sbarcarono in Francia 520.000 soldati. La prima guerra mondiale iniziò nel 1914, dopo l'assassinio dell'Arciduca Francesco Ferdinando, e durò fino al 1918. Poche settimane dopo (23 agosto) anche il Giappone entrò nel conflitto, in quanto alleato della Gran Bretagna; Francia, Gran Bretagna e Russia sanzionarono con il Patto di Londra (4 settembre 1914) una vera e propria alleanza. Ungaretti raccontato da Andrea Cortellessa. Pétain vi si oppose. La Prima Guerra Mondiale è uno degli eventi più catastrofici del Novecento. Tra marzo e giugno furono lanciate tre offensive, con grande dispiegamento di uomini e mezzi che tuttavia non portarono a nessuno degli obiettivi strategici intravisti da Ludendorff: né la separazione degli Inglesi dai Francesi, né la sconfitta degli Inglesi sui porti della Manica, né la conquista di Amiens, né il controllo della valle dell’Oise. Ungaretti raccontato da Andrea Cortellessa. Era una guerra “Grande” non solo per estensione dei fronti e per numero degli stati coinvolti: mai prima c'erano stati tanti soldati in trincea, tante armi in dotazioni agli eserciti, tante industrie impegnate a sostenere lo sforzo bellico. -  Il generale Cadorna intraprese nella primavera l’offensiva stabilita con gli Alleati, ma la decima battaglia dell’Isonzo, pur superando di gran lunga, sotto ogni riguardo, le precedenti, non conseguì lo sfondamento. La prima guerra mondiale e l'intervento in Albania ed in Macedonia Lo stesso argomento in dettaglio: Organizzazione del Regio Esercito durante la Prima Guerra Mondiale , Ordine di battaglia del Regio Esercito al 24 maggio 1915 , Campagna di Albania , Corpo di spedizione italiano in Macedonia e Fronte italiano (1915-1918) . I risultati, quasi nulli contro il settore tedesco, furono grandiosi contro gli Austriaci, a danno dei quali i Russi conseguirono notevoli vantaggi territoriali e soprattutto militari. Numeri e luoghi che sintetizzano la Prima Guerra Mondiale. Il disimpegno di Verdun venne dall’offensiva scatenata dagli Anglo-francesi il 1° luglio, nella quale i mezzi messi in opera si rivelarono i maggiori fino ad allora impegnati e apparve un’arma nuova, il carro armato. Nel marzo 1916 E. von Capelle, succeduto alla guida della Hochseeflotte ad A. von Tirpitz, teorico della guerra sottomarina illimitata, decise di impegnare le unità di superficie in una condotta di guerra offensiva contro la flotta britannica: il 31 maggio 1916 si svolse la battaglia dello Jütland, la sola grande battaglia navale del conflitto. La capitale francese fu salvata dal contrattacco di Joffre (battaglia della Marna 5-10 settembre), che costrinse i Tedeschi a ripiegare a N del fiume Aisne. In Germania il desiderio di pace trovò espressione nella mozione votata al Reichstag il 19 luglio 1917 e anche il papa Benedetto XV invocò la conclusione della pace (1° agosto 1917). I principali contendenti furono Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti d’America e Unione Sovietica da una parte, Germania, Italia e Giappone dall’altra. Così, nell’ottobre 1917 fu inviata in Italia un’armata anglo-francese, che si attestò sul Mincio a imbastirvi una linea di difesa su cui combattere, nel caso di un ulteriore cedimento di quella del Piave. La Prima guerra mondiale, di Nicola Caracciolo. STORIA DELLA SCIENZA. Eponimo e fondatore dello Stato e della dinastia ottomana fu ‛Othman, che costituì in Bitinia ... Sigla dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (russo SSSR, Sojuz Sovetskich Socialističeskich Respublik), Stato federale esteso in territori di solito attribuiti in parte all’Europa orientale e in parte all’Asia centro-settentrionale, costituitosi a seguito della rivoluzione del 1917 e della ... Comune del Friuli-Venezia Giulia (84,5 km2 con 205.356 ab. Durante il conflitto, Germania, Austria-Ungheria, Bulgaria e l'Impero Ottomano (le Potenze Centrali) combatterono contro Gran Bretagna, Francia, Russia, Italia, Romania, Giappone e Stati Uniti (le potenze alleate). Prima Guerra mondiale - inizio e fine Appunto di storia con riassunto della Prima Guerra Mondiale: origini, svolgimento, alleanze, conclusione e le alleanze tra gli AStati. L’attacco del 6-17 agosto (sesta battaglia dell’Isonzo) portò alla conquista di Gorizia, senza perdere però il suo carattere di battaglia di logoramento. 3). Alleata degli Imperi centrali, l’Italia rimase neutrale; la mancata consultazione da parte degli alleati e il carattere offensivo della guerra ne giustificavano giuridicamente la posizione. Colpo che è considerato come l'inizio sui campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale. Pagine: 1. Venuta meno la rottura del fronte a E di Gorizia, la settima (14-16 settembre), l’ottava (9-12 ottobre) e la nona (31 ottobre-4 novembre 1916) battaglia dell’Isonzo rientrarono nello schema degli impegni di logoramento. La guerra che scoppiò nel 1914 fu un avvenimento nuovo nella storia dell'umanità, perché fu la prima guerra generale “mondiale” che vide lo scontro di tutti i grandi Stati, i quali impegnarono le capacità produttive dell'industria moderna e le risorse della tecnica per preparare strumenti di offesa e di difesa. Fallite in primavera anche le azioni franco-inglesi nei Dardanelli e a Gallipoli, progettate da W. Churchill in primo luogo per aprire una via di comunicazione diretta con la Russia, il 1915 si chiuse con il rafforzamento delle posizioni degli Imperi centrali a oriente. Negli stessi anni le crisi internazionali si fecero ricorrenti, in particolare a seguito dell’annessione della Bosnia-Erzegovina da parte dell’Austria-Ungheria (1908), che alimentò gli scontri nei Balcani, principale focolaio di tensioni insieme con la competizione franco-tedesca, accesa dalla sconfitta francese di Sedan del 1870. Prima Guerra Mondiale, l’inizio 28 luglio 1914: si svolge la dichiarazione di guerra dell ’Impero austro-ungarico al Regno di Serbia in seguito all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, eseguito il 28 giugno 1914 a Sarajevo. 1300-1922), il cui nucleo originario si sviluppò nell’Anatolia nord-occidentale dalla dissoluzione del sultanato selgiuchide. Prima Guerra mondiale: gli avvenimenti principali L’idea di tutti i contendenti era che la guerra sarebbe durata pochissimo ed in effetti l’inizio fece ben sperare, almeno gli imperi centrali. La prima guerra mondiale 1914 28 Giugno - A Sarajevo vi è l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando erede al trono d’Austria da parte di uno studente serbo-bosniaco. 28 giugno 1946: Enrico De Nicola diviene capo provvisorio dello Stato Italiano ed è di fatto annoverato come il primo Presidente della Repubblica. Guerra di trincea e nuove armi. Ufficialmente, la Grande Guerra finiva nella stessa data in cui era iniziata. 2.1 Fronte occidentale(fig. Sorsero nuovi Stati: la Polonia, la Cecoslovacchia, la Iugoslavia, la Finlandia, la Lituania, la Lettonia, l’Estonia, l’Albania; e altri subirono profondi mutamenti di frontiere. Con la seconda offensiva di Polonia, culminata nella battaglia di Łódź (17-26 novembre), i Tedeschi impedirono l’invasione del proprio territorio, bloccando nel contempo l’offensiva dell’avversario contro gli Austriaci. I Francesi si impossessarono dello Chemin-des-Dames a prezzo di sacrifici tali che l’offensiva, lungi dal raggiungere lo scopo, demoralizzò profondamente l’esercito; non si riuscì nemmeno a concentrarlo con l’azione sul fronte italiano, dove la decima battaglia dell’Isonzo (12 maggio-7 giugno) fu sferrata dopo la fine dell’offensiva franco-britannica. La Germania perse le colonie, la flotta militare e mercantile e alcuni distretti minerari; le fu imposto l’obbligo delle riparazioni e il divieto di tenere un esercito superiore a 100.000 uomini. In quello stesso giorno nasceva la Società delle Nazioni: un’organizzazione che regolava i rapporti tra stati tentando di evitare ulteriori guerre mondiali. Il 3 a Villa Giusti, presso Padova, era stato firmato l’armistizio italo-austriaco; l’11 l’imperatore Carlo I, dopo un estremo tentativo di trasformare l’Impero in uno Stato federale sulla base di 4 regni nazionali (Austria, Ungheria, Polonia e territori iugoslavi), abdicò e il 12 fu proclamata la repubblica in Austria, il 16 in Ungheria. Sei in: Inizio / La prima guerra mondiale (schema) La prima guerra mondiale (schema) Letteratura. La Prima guerra mondiale fu sicuramente il maggior conflitto su scala planetaria della storia umana fino alla Seconda. Questa pagina raccoglie tutte le cause della prima guerra mondiale, quindi gli eventi della politica estera tra le potenze continentali che condussero all'esplosione della prima guerra mondiale nel luglio del 1914.Cronologicamente, gli eventi qui riportati vanno circa dagli anni … Italo Calvino, Prima Guerra Mondiale, 28 giugno 1914: l’inizio della Grande Guerra, Nichelino, va a fuoco il Carrefour: evacuato l’intero centro commerciale. L'impero britannico occupava notoriamente un quarto del globo ("il sole non tramonta mai sulla Gran Bretagna" era un famoso slogan della metà del XIX secolo). Prima parte. Oltre alle rivendicazioni del movimento operaio (che assunsero ampiezza e radicalità inedite), vanno considerati i movimenti degli ex combattenti, i partiti e i movimenti contadini (soprattutto in Europa orientale), i movimenti delle donne (che avevano diffusamente sostituito alla produzione gli uomini mobilitati), le nuove formazioni politiche. La prima guerra mondiale da Nicole Zerbin 1. L’esigenza di coordinare e muovere enormi contingenti su un fronte molto ampio diede luogo allo sviluppo delle telecomunicazioni e al massiccio impiego dei mezzi motorizzati. Sappiamo che, molto probabilmente, solo leggendo il titolo di questo articolo che parla di un riassunto delle cause della Prima Guerra Mondiale vi sarete sentiti male. L’accordo di Dayton sancì la fine della guerra in Jugoslavia. – 1. a. Del mondo, proprio, caratteristico del mondo: ecco la testimonianza d’Ovidio nel primo del suo Metamorfoseos, dove tratta la mondiale constituzione secondo la credenza pagana (Dante); letter., la macchina... Nei primi anni del 20° sec. Nella battaglia delle frontiere (22-25 agosto), lungo il confine franco-belga, la V armata francese e il corpo di spedizione britannico furono battuti e costretti a ritirarsi. La grande guerra Le origini della Prima guerra mondiale risalgono agli anni Settanta del 19° secolo, cioè all'avvento della cosiddetta età dell'imperialismo. Sul fronte della Mesopotamia, a novembre le forze britanniche occuparono la regione di Mossul. Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, quando gli uomini sono chiamati al fronte, Luisa prende in mano le redini dell’azienda e la fa crescere ulteriormente. Entrata la Romania in guerra contro gli Imperi centrali il 27 agosto 1916, il comando russo si preparò a un attacco d’impeto con il concorso delle truppe romene contro l’Ungheria e la Galizia con la speranza di infliggere alle potenze centrali una sconfitta decisiva. L’Italia ottenne il confine alpino, ma rimasero insolute la questione adriatica con il nuovo Stato iugoslavo e quella dei compensi coloniali. Sul terreno della strategia militare la Prima guerra segnò una svolta epocale a motivo, in primo luogo, della diffusione delle armi automatiche che resero estremamente dispendioso in termini di vite umane il tradizionale attacco di fanteria o di cavalleria alle postazioni nemiche; ciò determinò l’evoluzione dalla guerra di movimento alla guerra di posizione o di logoramento: luogo privilegiato dell’aspetto militare del conflitto fu dunque la trincea. Lo scoppio della guerra è dovuto all’assassinio del duca Francesco Ferdinando d’Austria in Serbia e alla reazione dell’Impero Austro-ungarico contro questo stato. La Prima Guerra Mondiale fu un conflitto nuovo La Prima Guerra Mondiale fu un conflitto nuovo per l’umanità per tre ragioni principali: 1. fu la prima guerra totale e di massa; 2. ebbe dimensioni mondiali perché coinvolse progressivamente Paesi di tutti i continenti; 3. il conflitto causò sconvolgimenti tali da segnare la storia europea e L’Italia in guerra. Altri risultati per guerra mondiale, Prima. 3.4 Fronti minoriNel Caucaso, in Iran e in Mesopotamia, Russi e Britannici agivano in direzione di Baghdad. La Prima guerra mondiale, di Nicola Caracciolo. Il 26 novembre i bolscevichi saliti al potere chiesero di trattare l’armistizio, stipulato il 15 dicembre.