19-gen-2013 - Il mio blog su finanza, gaming, tecnologia, lifestyle e politica. Impero ottomano: riassunto e significato dell\'Impero costituito originariamente dai successori di Osman Gazi, guerriero turco della dinastia ottomana. ... oppresse da secoli dal dominio ottomano. L'episodio passò alla storia come l'"incidente di buon auspicio" e si concluse con l'abolizione ufficiale dei giannizzeri avventa il 17 giugno. L'Impero ottomano fu sempre organizzato attorno a un sistema di giurisprudenza locale, facente però parte di un più ampio schema di bilanciamento tra autorità centrale e regionale. Secondo lo storico Halil İnalcık, nell'epoca dei Selgiuchidi e nei primi anni di formazione dell'impero ottomano, i popoli turchi che dettero vita a tali imperi furono prevalentemente aleviti bektashi, mentre le popolazioni precedenti furono essenzialmente cristiane, ortodosse o monofisite. I successi di Solimano nelle campagne orientali portarono all'annessione all'impero di Baghdad e alla Pace di Amasya del 1555 con cui i safavidi accettavano di rispettare i nuovi confini e si impegnavano a cessare le persecuzioni contro i pellegrini sunniti ottomani. Il sorbetto al limone, accompagnato da biscotti, era una bevanda assai diffusa come la boza o il bal suyu una birra a base di miele e luppolo fermentato a lungo. A causa di un basso tasso di alfabetizzazione tra la popolazione (circa il 2-3% fino all'inizio del XIX secolo e circa il 15% verso la fine), la gente comune doveva assumere degli scribi come "scrittori di richieste speciali" (arzuhâlcis) per essere in grado di comunicare con il governo. La prima fu quella del sultano Selim I (1512-20), che sconfisse i Persiani e conquistò l’Armenia, la Siria e l’Egitto. La stampa di Muteferrika pubblicò il primo libro nel 1729 ed entro il 1743 aveva prodotto 17 lavori in 23 volumi, ciascuno tra le 500 e le 1 000 copie. Il tradizionale teatro d'ombre turco, con i protagonisti karagöz e Hacivat, si diffuse in tutto l'impero presentando personaggi che rappresentavano tutti i principali gruppi etnici e sociali. Nemmeno il sultano era favorevole alla guerra; poco tempo dopo Mehmet V raccontò: «Il mio popolo non è più quello di una volta. A lui successe nel sultanato il figlio Selim II dopo che gli altri figli, avuti dalle due mogli Hürrem e Mahidevran, erano stati assassinati affinché vi fosse un solo legittimo successore; una pratica spietata ma consuetudinaria nella dinastia ottomana. POLITICI DELL’IMPERO OTTOMANO Othman I Maometto II TAMERLANO 3. Uno di essi si trovava nella zona di Eskişehir, nell'Anatolia occidentale, ed era governato dal bey Osman I (da cui deriva la parola "ottomano"), figlio di Ertuğrul. Il nome deriva da quello del fondatore di fatto della dinastia regnante, Osman I. L'avanzata dei Turchi ottomani fu … Nel 1785 circa un sesto della popolazione egiziana morì di peste e Aleppo vide la sua popolazione ridotta del 20%. I Persiani erano una popolazione indoeuropea che abitava fin dal II millennio a.C. l’altopiano iranico, cioè l’ampia regione a est della Mesopotamia, al di là dei monti Zagros. [102], La guerra di Crimea (combattuta tra il 1853-1856) fu una delle maggiori campagne militari tra le potenze europee per porre la propria influenza sui territori dell'Impero ottomano oramai chiaramente in declino. [26][27] Una volta conquistata la città, che diverrà la capitale dell'impero ottomano con il nome di Istanbul, Maometto intraprese iniziative per ridarle lustro e ripopolarla. il Medio Oriente [41][42][39], L'età di Solimano non è ricordata solo per i suoi successi militari e le annessioni territoriali, ma fu anche un periodo di grande splendore su tutti i livelli. Nell'estate del 1660, un vasto incendio colpì proprio la capitale e le cui cronache raccontano della perdita di 4 000 abitanti, 28 000 case e 300 palazzi, cioè all'incirca i due terzi della città. Venne fondato, in continuità con il sultanato selgiuchide di Rum, alla fine del XIII secolo nell'Anatolia nordoccidentale dal guerriero Osman I. Successivamente al 1354, i successori di Osman attraversarono l'Europa e, con la conquista dei Balcani, i beilicati turchi d'Anatolia vennero trasformati in un impero transcontinentale. [146], Il 15 maggio 1919 truppe della Grecia, nella speranza di cogliere un impero ottomano in decadenza, occuparono la zona di Smirne, suscitando un'immediata reazione da parte dei nazionalisti turchi. IMPERO OTTOMANO MASSIMA ESPANSIONE Dal punto di vista culturale, l’apporto islamico, si rivelò tuttavia determinante, anche per la “rinascita” europea che avvenne dopo l’anno Mille, a seguito del periodo altomedievale, contraddistinto da un certo regresso tecnologico, culturale, demografico [194] Fu soltanto nella prima metà del XX secolo che iniziò a diffondersi il tè, ma in breve tempo ebbe una tale diffusione da diventare un elemento imprescindibile della vita sociale degli ottomani.[195]. [109], A partire dal 1871, il sultano Abdul Aziz impresse al paese una svolta reazionaria, rifiutando formalmente la concessione di una costituzione, una linea politica largamente contestata dal movimento dei Giovani ottomani. Nel 1909 fu vietata la schiavitù (tuttavia rimase praticata per almeno un altro ventennio); nel 1910 abolite le corporazioni; vennero aperte fabbriche, cementifici, mulini e cantieri marittimi; nel 1911 a Costantinopoli arrivò la distribuzione dell'energia elettrica e venne fondata la prima società telefonica. [87] Nel 1807 Selim decise di negoziare con i giannizzeri in rivolta ma una fatwā emessa l'anno successivo dallo Sheikh-ul-Islam portò alla sua cattura e all'insediamento del cugino Mustafa IV, dando inizio ai colpi di stato ottomani del 1807-1808. [48][49] La morte di Solimano aveva comunque messo in fibrillazione le frontiere con i cristiani. Tentò di rimodernare l'esercito, creando una artiglieria più evoluta e conferendo a Cezayirli Gazi Hasan Pasha l'incarico di riorganizzare la flotta. Le origini dell’impero vanno ricondotte al ruolo di avanguardia militare assegnata dai sovrani selgiuchidi ai confini con l’impero bizantino alla tribù degli osmanli o ottomani ().Il fondatore della dinastia ottomana fu l’emiro Osman I (1299-1326). Solimano favorì la scienza e l'istruzione; durante il suo impero vennero finanziate moltissime madrase dove si insegnava grammatica, metafisica, filosofia, giurisprudenza, astronomia e astrologia, senza che vi fossero quelle interferenze religiose che portarono alla crisi dello studio delle scienze nei secoli successivi. Anche dopo la morte di Solimano l'impero continuò a mantenere un'economia flessibile e forte per tutto il XVII e gran parte del XVIII secolo; tuttavia, il lungo periodo di pace che andò dal 1740 al 1768 comportò un certo rallentamento nello sviluppo del suo sistema militare che divenne nel tempo più arretrato rispetto a quelli in forza ai suoi rivali. l’impero ottomano fu fondato nel 1299 dura fino al 1922 quando con il trattato di sèvres l'impero ottomano, già drasticamente ridimensionato col trattato di [142], Gli ultimi due anni del conflitto segnarono l'inesorabile declino dell'impero verso la sconfitta. Dopo che entrambi gli schieramenti ebbero subito ingenti perdite, gli inglesi capirono di non poter sfondare le linee ottomane e si ritirarono nei primi giorni di gennaio 1916. Per molti storici la pace di Zsitvatorok firmata l'11 novembre 1606 dal sultano Ahmed I, rappresentò un punto di svolta nei rapporti diplomatici tra i due imperi, in quanto per la prima volta gli ottomani accettavano di riconoscere una parità di rango e dignità tra i governanti Asburgo ed il sultano di Istanbul, senza esigere tributi come era avvenuto in precedenza. All'impero non restava che una piccola striscia della Tracia orientale. Ad esempio, il censimento del 1831 contava solo uomini e non era riuscito a comprendere l'intero impero. Queste persone si chiamano Muhacir. Tale pratica, detta devscirme, traducibile come “raccolta”, avveniva periodicamente a intervalli di circa 4-5 anni e vedeva alcuni ufficiali dei giannizzeri recarsi nei villaggi dei Balcani dove selezionavano gli adolescenti che apparivano più promettenti. Nonostante la superiorità numerica e l'inizio delle operazioni favorevole agli inglesi, il tentativo non ebbe successo grazie all'insipienza alleata e alle grandi capacità dei due comandanti ottomani, Otto Liman von Sanders e Mustafa Kemal Atatürk, allora comandante della 19ª divisione della Quinta armata ottomana, «oltre che alla volontà inflessibile, all'ostinata dedizione e all'incrollabile fedeltà delle truppe ottomane al loro sultano e califfo», come ebbe a dire l'ufficiale tedesco Hans Kannengiesser. Il più grande degli artisti di corte arricchì l'impero con molte influenze artistiche pluralistiche, come mescolare l'arte tradizionale bizantina con elementi dell'arte cinese. [150] I nazionalisti furono galvanizzati dalla vittoria riportata e iniziarono a mostrare il malcontento per l'occupazione del paese da parte delle truppe anglo-franco-italiane; si arrivò molto vicino ad una nuova guerra che tuttavia fu scongiurata solamente grazie all'attività diplomatica dei comandanti turchi e britannici. Un'accademia greca di pittori, il Nakkashane-i-Rum, venne fondata nel Palazzo Topkapi nel XV secolo, mentre all'inizio del secolo successivo venne aggiunta anche una simile accademia persiana, la Nakkashane-i-Irani. EVENTI LIMES. Mahmud II ordinò di avanzare verso la frontiera siriana ma vennero fermati nella battaglia di Nezib. [77] Negli ultimi anni della sua vita non poté comunque evitare una nuova guerra contro la Russia che costò la perdita della Crimea, conquistata nel 1769 dalle ben più forti truppe russe di Caterina la Grande. [177], Se nei primi anni di vita dell'impero l'architettura ottomana si concentrò soprattutto sui caravanserragli, considerati delle “basiliche mercantili”, con il passare del tempo le moschee presero sempre più importanza. [186] In ogni caso la scelta delle carni seguì le indicazioni religiose che stabilivano quali fossero proibiti (harām) o concessi (halāl). A lui succedette il figlio sedicenne, Abdülmecid I, subito costretto ad allacciare contatti diplomatici con la Gran Bretagna per salvare il trono. Non si spiega però come mai l'impero ottomano sia vissuto per sei secoli e perché sia riuscito a prosperare e imporsi a lungo come la più grande potenza mediterranea e del Vicino Oriente, giungendo, nel periodo di massima espansione a estendere i suoi confini dalle porte di Vienna al Golfo Persico. La seconda cartina descrive il crollo dell’impero ottomano, tra il 1798 e il 1923. Nei villaggi in cui due o più popolazioni vivevano insieme, gli abitanti parlavano spesso la lingua l'uno dell'altro. Allah mi è testimone. La seconda cartina descrive il crollo dell’impero ottomano, tra il 1798 e il 1923. [56], Ma anche questa volta il regno di Mustafa durò poco meno di un anno: nel 1623 venne nuovamente deposto e imprigionato dal fratello di Osman II, che diverrà il nuovo sultano con il nome di Murad IV. Eccezione fece Maometto II, unico tra i sultani ad apprezzarlo vivamente. [74], Il XVIII secolo si aprì con il tentativo di cancellare la disfatta della pace di Carlowitz e con l'impero ottomano che dichiarò, nel 1712, guerra a Venezia. Dopo la fondazione dell'Impero Ottomano nel 1299, i Turchi Ottomani cominciarono subito a organizzarsi nel governo e nell'area militare per una espansione costante. [22][23][24], Il figlio di Murād II, Maometto II salì al trono il 17 febbraio 1451 intraprendendo, almeno inizialmente, una politica molto prudente rinnovando il 10 settembre dell'anno successivo la pace con la Repubblica di Venezia. [106][107], Mentre l'impero ottomano tentava di modernizzare le sue infrastrutture e istituzioni, gli si aprì davanti un diverso tipo di minaccia, ovvero quella dei creditori. Impero francese Stati clienti Dati amministrativi Nome completo Impero francese Nome ufficiale Empire français Lingue ufficiali francese Lingue parlate francese , tedesco , italiano , olandese , polacco , spagnolo , sloveno , croato Inno Le chant du départ Capitale Parigi (622.636 ab. Il controllo del Nordafrica era stato invece già da tempo perduto, con il Marocco esposto alle mire tedesche, spagnole e francesi, con l'Algeria occupata stabilmente nel 1830 dalla Francia (che lo trasformerà in "territorio metropolitano") e con la Tunisia diventata protettorato francese. A partire dall'abbandono della Ijtihad, l'interpretazione, i Qadi in tutto l'impero ottomano si concentrarono meno sui precedenti legali e più sui costumi e le tradizioni locali nelle aree sottoposte alla loro giurisdizione. nel 1683: Popolazione: 30 000 000 nel 1683; ... L'Impero ottomano od osmanico ... Cem si alleò con i mammelucchi, preoccupati dell'espansione dell'impero ottomano, per contestare l'incoronazione del fratello.